L’estro mi spinge a narrare di forme mutate in corpi nuovi. O Dei – anche queste trasformazioni furono pure opera vostra – seguite con favore la mia impresa e fate che il mio canto si snodi ininterrotto dalla prima origine fino a i miei giorni.

Ovidio in “Metamorfosi”

diario di Ritrattista